martedì 14 febbraio 2012

Bella vita e guerre altrui di Mr. Pyle, gentiluomo

Bella vita e guerre altrui di Mr. Pyle, gentiluomo è scritto dallo storico Alessandro Barbero, vincitore con questo libro del Premio Strega 1996
L'autore, che collabora da alcuni anni anche alla trasmissione SuperQuark di Piero Angela, è storico e divulgatore capace di attirare e mantenere l'attenzione del pubblico su qualsiasi argomento storico si stia trattando, grazie ad un eloquio piacevole e interessante che fa ascoltare, e soprattutto ricordare, senza fatica.
Anno 1806, Mr. Pyle è un giovane gentiluomo americano, inviato nel regno di Prussia a cercare di capire un po' cosa sta succedendo in un'Europa assolutamente instabile dove Napoleone, ormai imperatore, sembra volersi mangiare tutto e tutti, la Prussia che trama con tutti alle spalle di tutti, mentre gli inglesi furiosi non riescono a capirci nulla, ed ecco allora che il governo americano decide di inviare un giovane gentiluomo a cercare di capirci qualcosa, una spia trasvestita da diplomatico inviata presso le corti europee.   
Questo è il suo diario, dove annotando fedelmente ogni giorno tutto quanto gli succede ti permette di viaggiare con lui nel mondo di quasi due secoli fa. E ti ritrovi al cospetto del re e della sua corte, fra comandanti e soldati, fra i nobili e i loro pettegolezzi e le loro frivolezze, ma anche sulla strada fra osterie, contadini e ragazze dai facili costumi; non manca nemmeno l'avventura, di cui avrebbe volentieri fatto a meno, di ritrovarsi sul campo della battaglia di Auerstedt, preso fra i due eserciti, completamente solo, cercando di uscirne integro.  
Ritratto di un periodo e dei suoi protagonisti, da parte di un osservatore esterno, a volte antipatico e pure un po' razzista, ma fedele nel suo riportare per iscritto ogni attimo della sua giornata.
Il libro, non di facile lettura ma sicuramente molto interessante a livello storico, è scritto con una lingua italiana di oggi ma con la pedanteria nei dettagli, il modo di esprimersi e di pensare propri del periodo descritto.

Nessun commento: