mercoledì 29 giugno 2011

Progetto segreto

Qualche tempo fa con il forum La via dei colori abbiamo organizzato in segreto un regalo speciale per Laura che stava approntando il trasloco nella casa nuova.
Ne è uscita la scritta "Home sweet home" composta da tanti piccoli pin keep ricamati da ognuna di noi.
Questa è il pin keep fatto da me, tela Aida 55, schema Ellen Maurer Stroh, stoffa con genziane e finitura con cordoncino e perline bianche.


Questo è quanto ha ricevuto Laura.

lunedì 27 giugno 2011

Sal Country Bloomers

Recuperata la tappa!! Mi scocciava un po' essere rimasta indietro di un giro, non è un gran problema, ma per la mia passione per la puntualità e la precisione era una spina che continuava a pungere.
E così non solo mi sono messa alla pari, ma ho già finito anche la nuova tappa, così visto che nei primi giorni di luglio avrò un po' da fare non corro più il rischio di rimanere indietro.
Bellissimo, non mi stancherò mai di ripeterlo e ogni mese che passa lo vedo sempre più vicino alla parete della mia cucina assieme a Birdwatcher ...

domenica 26 giugno 2011

Al mattino presto

In ufficio mi hanno tolto 2 ore al giorno (naturalmente non il lavoro .....) e al mattino comincio alle 8, ma mi alzo comunque alla solita ora visto che suona la sveglia per il marito e io ho il terrore di addormentarmi di nuovo.
Ma adesso la scuola è finita e a me avanza quasi mezz'ora libera, il pargolo dorme, il marito parte e io che faccio? 
Mestieri? Noooo, sono già vestita per andare in ufficio!! 
Leggo?  Ci mancherebbe, al mattino è troppo soporifero!!
Sto a guardare per aria? Nooo, impossibile sprecare il tempo così!!
E allora ... ma facciamo un po' di uncinetto, è pratico, è veloce, è rilassante, e questo è il risultato.
Ho utilizzato del cotone Profilo nr. 12 e uncinetto nr. 12

giovedì 23 giugno 2011

Sal smaltimento ricamabili

E con questo facciamo 10!!! 10 pezzi smaltiti quasi senza accorgermene grazie alla grande idea di Valentina - Lost in cross stitch.
Questo asciughino arriva nientemeno che da Vienna, da Mariahilfer Strasse, la via degli acquisti per eccellenza.
Circa 10 anni fa abbiamo visitato Vienna - città stupenda, molto asburgica, molto viva, molto artistica, anche se io le preferisco Salisburgo - nel tragitto fra la metro e il centro passavamo in questo lunghissimo viale pieno di negozi (compreso uno stratosferico della Lego) ed ogni volta che passavo mi incollavo davanti alla vetrina di questa merceria, fintanto che un giorno ho preso il coraggio a quattro mani e con il mio inglese molto semplice sono entrata ..... non c'era bisogno di tante parole ..... è stato come entrare in un sogno, nel paese delle meraviglie, un mondo di cose legate al punto croce che qui all'epoca ci sognavamo di avere, non sarei più uscita .... ho acquistato "solo" alcuni asciughini purtroppo, ma il mio cuore è rimasto a lungo là, attaccato a tutte quelle meraviglie ...
Adesso ho finalmente rispolverato uno di quegli asciughini ed eccolo qui con dei bellissimi papaveri arancio. Adesso è già in lavorazione il suo omonimo ma in rosso ...

mercoledì 22 giugno 2011

Ancora e sempre Sal

Ricascata!!!
Felicemente ricascata in un nuovo Sal, sempre con l'inimitabile Valentina - Lost in cross stitch, impeccabile padrona di casa di un buon numero di Sal.
Siamo sempre a tema Natale, tema irresistibile per me, stavolta con un alfabeto natalizio di Prairie Schooler.
Si comincia il primo di luglio (c'è tempo per le iscrizioni fino al 24 giugno), 5 tappe mensili con scadenza a fine mese e entro la fine di novembre sal terminato per poter poi assemblare il ricamato ed averlo pronto a decorare la nostra casa a Natale.
Si tratta di ricamare una scritta che può essere Auguri, Buon Natale, Merry Xmas, ognuna sceglie a seconda del tempo disponibile e sul supporto preferito; io ancora non ho preso una decisione definitiva, però mi piace molto l'idea dei cuscinetti da appendere al muro o su una ghirlanda in legno da appendere come benvenuto ..... 

martedì 21 giugno 2011

Piccolo acquisto

Periodo difficile, difficilissimo, con i soldi che vanno, ma non vengono, con mille intoppi lavorativi, problemi a scuola, con la voglia assoluta di poter sparire ... magari Nell'Isola Che Non C'è di Peter Pan ...
Quindi non sarebbe proprio il momento di fare acquisti, ma ne avevo bisogno, sentivo il bisogno di tirarmi su in qualche modo e cosa meglio di un piccolo acquisto in una boutique che apriva solo per pochi giorni? 
Cosa meglio che un piccolo acquisto di cose raffinate e bellissime nella boutique di una carissima amica che si chiama Ila - La Pecora Rosa?
Guardate e ditemi se non sono delle meraviglie? Sinceramente io non so cosa mi piace di più, se il kit per il cestino o il portafili o la forbice o la stoffa, o il regalo di ringraziamento (lo scissor fob con perlina azzurra e bottoncini quadrati a destra nella foto qui in parte), di certo è che sto già pensando a come utilizzare tutte queste bellissime cose.
I problemi ci sono ancora, purtroppo, però io mi sento un po' meglio.
Grazie Ila, spero che aprirai ancora la tua boutique e ci darai ancora una volta la possibilità di ammirare, e magari anche acquistare, queste meraviglie.

lunedì 20 giugno 2011

Sunday Sal for Christmas

Eccoci arrivate al primo appuntamento con questo Sal particolare ideato da Argante - Il Filo Incantato su schemi Christmas tree II di The Prairie Schooler.
Il primo disegno da eseguire era il cervo, detto fatto e fra un pomeriggio e una serata di una domenica un po' sotto tono ecco il ricamo finito.
Ricamato su lino Zweigart color menta, ne farò sicuramente quattro alberelli, come nello schema originale, ma tra le mie stoffe non ho trovato una stoffa natalizia che si adattasse, quindi, visto che comunque non ho trovato nemmeno i vasetti in cui inserire gli alberelli, l'assemblaggio è momentaneamente rimandato non appena avrò trovato tutto il materiale necessario.
Essere a giugno e pensare già a Natale, può sembrare strano? fuori posto? da pazzoidi? no, semplicemente Natale è Natale ed è sempre il momento buono per pensarci.

sabato 18 giugno 2011

In biblioteca si vince

E si, in biblioteca si vince eccome, almeno nella mia biblioteca.
Non è la prima volta, ne avevo parlato qui, ma stavolta ho involontariamente esagerato.
In questi ultimi 3 mesi sono stata assai fortunella, infatti su 3 concorsi per indovinare il titolo di un libro 2 li ho vinti e uno sono arrivata seconda .... meraviglioso!!!
La cosa che mi fa più piacere è che su un concorso sono stata l'unica ad indovinare il titolo, scusate ma mi sento molto orgogliosa di me.
Naturalmente si vince un libro, e che altro!?!? 
 


giovedì 16 giugno 2011

Sal Family Sampler di LHN - 2

Terminati gli impegni al seggio e sistemati gli arretrati in ufficio, nemmeno fossi mancata una settimana, eccoci alla seconda tappa del Sal Family Sampler organizzato da Valentina di Lost in cross stitch.
Mi piace, nonostante i particolari è abbastanza semplice da ricamare, piacevole.
Passate da Valentina di Lost in cross stitch per vedere i lavori di quelle fra noi che non hanno blog, mentre di seguito le altre compagne di viaggio con i loro lavori:  Fabri, Lo', Barbara, Claudia, Daniela, Bruna, Marilena, Iole, Ila, Francy, PaolaFran, Rosi, Ornella, Lydia, Lara, Giovanna, Rosalba, Cia, Annalisa, Pa, Anto, Cristina, Iris, Giovanna, Tiziana, Daniela, Cristina, Antonella.
Adesso scappo a mettermi in pari con un altro Sal, il Country Bloomers con il forum La via dei colori - che ho proprio dimenticato di fare .... prima pensavo che fosse da fare al 15 del mese, anzichè al 10 e poi .... l'ho proprio dimenticato.

mercoledì 15 giugno 2011

L'Apprendista Fammingo

Terzo libro di quello che io chiamo il mio periodo olandese, la scelta di questi libri è stata puramente casuale, presi dallo scaffale della biblioteca, in un pomeriggio in cui dovevo aspettare, semplicemente perchè la trama mi sembrava piacevole, mi sono ritrovata per le mani dei libri alquanto interessanti.
L'apprendista fiammingo di Jorg Kastner prende il via dall'assassinio di Guglielmo d'Orange nel 1584 e dalla maledizione lanciata dal suo assassino.
Passiamo poi al 1669 quando uno strano suicidio nella prigione di Amsterdam e un misterioso quadro contenente una particolare tonalità di blu, a quei tempi considerato il colore del diavolo, mette in subbuglio la vita del protagonista, Cornelis Suythof, guardia del carcere per lavoro, pittore per passione.
Il quadro misterioso scompare, Ossel, amico di Cornelis, compie un omicidio tanto spaventoso quanto imprevisto e da qui parte la ricerca di Cornelis per capire cosa sia successo veramente e per riabilitare l'amico.
Sarà tra le strade, i canali ed il porto dell'Amsterdam del 1600, fra cattolici e calvinisti, fra pittori e armatori, che si dipanerà un thriller storico piuttosto scuro, ma a tratti anche giustamente ironico, assolutamente interessante. Speciale è la capacità del protagonista di mettersi nei guai, nonostante gli avvertimenti la sua grande voglia di scoprire cosa sia successo al suo amico Ossel lo rende tanto coraggioso quanto avventato.
Non sarà forse un capolavoro della letteratura, ma è interessante e avvincente, è davvero difficile smettere di leggerlo, inoltre l'autore, come Valerio Evangelisti con il suo inquisitore Eymerich, racconta la sua storia attraverso personaggi realmente esistiti in un ambiente affascinante e molto ben descritto.

sabato 11 giugno 2011

Ritorno ad un'antica passione

Ho imparato ad utilizzare l'uncinetto ancora prima di imparare a ricamare ed ho sempre avuto una grande passione per questo attrezzo.
Tant'è vero che la casa della mia mamma e di alcune zie è piena di centri fatti da me, quando da adolescente andavo dalle suore, oltre ad aver insegnato a tante bambine, mi inventavo dei centri che poi venivano utilizzati per la pesca. Ho creato degli abitini per le Barbie delle mie sorelle, senza parlare della quantità industriale di presine (tutte rigorosamente bruciate), insomma ho sempre avuto un piacere molto particolare nell'utilizzare l'uncinetto. Ultimamente però, a parte una piccola pausa per creare gli abiti ad un paio di pigotte, l'avevo completamente tralasciato.
In quest'ultimo periodo però i miei occhi continuavano ad andare all'astuccio degli uncinetti e alla scatola dei cotoni, il mio pensiero era sempre attirato li, segno che era ora di riprendere in mano il mio "attrezzino" e fare qualcosa.
E allora partiamo da un bel centro colorato, per andare a sostituire un centrino bianco, ormai quasi finito, da mettere sotto una pietra per evitare che mi righi il tavolo.
Non ho perso la mano, è sempre bellissimo e mi da sempre grande soddisfazione.
Ho già un nuovo progetto in mente, o meglio, ho già tutto pronto per un nuovo progetto.

venerdì 10 giugno 2011

La casa dei Windjammer

In questo ultimi giorni ho davvero finito le energie, sarà perchè la fine dell'anno scolastico porta un sovraccarico di corse extra, ma sono veramente sfinita.
E non riesco nemmeno a ricamare molto, sono tornata ad una vecchia passione di cui a breve vi farò vedere i risultati, ma soprattutto mi sono dedicata alla lettura.
Questo è il libro appena finito: La casa dei Windjammer di V. A. Richardson.
Libro per ragazzi o libro per adulti? Di certo un libro piacevole e interessante, con alcune parti davvero notevoli dove l'immedesimazione in quanto è scritto è davvero tanta, parte magari un po' lento ma poi via via diventa sempre più avvincente e si ha sempre più voglia di sapere come va a finire.
Ambientato ad Amsterdam nel 1600, "La casa dei Windjammer" parla di protagonisti ragazzini e situazioni da grandi, dove le difficoltà della vita non permettono di rimanere bambini a lungo e rendono necessario crescere in fretta.
E Adam, primogenito di una facoltosa famiglia di armatori, si troverà a dover fare i conti con il mondo degli adulti fin troppo presto: l'improvvisa morte del padre lo costringerà a diventare all'improvviso il capofamiglia senza averne ancora le capacità, sulle sue spalle graverà tutto il peso della famiglia e degli affari che purtroppo stanno mandando in rovina la casa.
Il porto e le sue taverne malfamate, le ricche case degli armatori, i canali di Amsterdam, la povertà, i bulbi di tulipani, uno zio stupido e ambizioso, un prestasoldi che vuole la rovina della famiglia Windjammer, la figlia del prestasoldi – personaggio alquanto ambiguo e particolare -, il contabile di famiglia e una madre forte e coraggiosa : sarà fra questi personaggi e in questi posti che Adam diverrà adulto, imparando il rispetto della parola data, cercando di capire di chi fidarsi e chi invece lo sta ingannando.
Piccola nota: sia l'edizione originale inglese che quella italiana hanno la stessa copertina, fatto degno di nota in quanto succede assai raramente.

mercoledì 8 giugno 2011

La ragazza con l'orecchino di perla


Ambientato a Delft in Olanda nel XVII secolo, è un romanzo delizioso, che racconta un periodo di vita del pittore Vermeer e della sua famiglia.
Il racconto viene svolto in prima persona da Griet, 16 anni, costretta dalla perdita del lavoro del padre ad entrare come serva della famiglia Vermeer. Una pagina dopo l'altra si scopre Griet diventare non più solo serva, ma anche aiutante del pittore e sua fonte di ispirazione, fra litigi, ripicche e sottomissione. Col passare dei giorni Griet si allontanerà sempre più anche dalla sua famiglia, che intuisce che Griet non è più solo serva in casa Vermeer, infatti col pittore si è instaurata una forma di attrazione – ma forse anche amore – platonica, fatta di frasi non dette, atteggiamenti, sguardi. Ma il pittore cosa prova per Griet? Davvero ne è attratto o è solo interesse per la buona riuscita di un ritratto?
Griet continua la narrazione della sua vita, fra pesantissime faccende di casa, l'aiuto al pittore, l'odio nei suoi confronti della moglie e di una delle figlie del pittore, lo svolgersi della vita di tutti i giorni, fino alla decisione finale, dolorosa ma inevitabile per chi come lei è entrata ed è serva in una casa di signori.

lunedì 6 giugno 2011

Rex Tremendae Maiestatis


Colpita dalla copertina con in bella evidenza il Tristo Mietitore (come lo definisce Terry Pratchett), mi ha colpito a tal punto che ho deciso di leggerlo nonostante fosse l'ultimo libro di una lunga serie (10 volumi).
Scritti da Valerio Evangelisti, questi 10 libri raccontano la vita dell'inquisitore domenicano Nicolas Eymerich da Gerona; io ho letto solo l'ultimo, peraltro ogni libro è assolutamente leggibile a sé, ma non è detto che decida di leggere anche gli altri, visto che il tema è alquanto interessante.
Il romanzo è una mescolanza fra romanzo storico e fantascienza, dove i piani temporali fra il 1300 con l'Inquisizione ed il futuro sulla luna, dove succedono fenomeni stranissimi, si intrecciano, ma non risultano mai banali e tantomeno tolgono quel tanto di “cattiveria” legata alla vita nel medioevo.
Eymerich è tutto tranne che un eroe, è spietato ma non sadico, intelligente, coraggioso ma contemporaneamente anche goffo, con una fobia assoluta per gli insetti (ogni volta che va a dormire fa passare tutto il letto e si rifiuta di dormire in camere troppo adorne di stoffe o di cose che possano contenere insetti) e una grandissima repulsione per il contatto fisico. Io lo trovo odioso, ma nello stesso tempo anche geniale, tanto di cappello alle sue intuizioni, ma a volte insopportabile nel suo rapporto con gli altri. Tutte le azioni di Eymerich, comprese le condanne a morte e le torture, non sono legate alla cattiveria fine a stessa, al puro divertimento nella sofferenza altrui, quanto alla volontà di perseguire il male, all'assoluta abnegazione al bene supremo, così come era richiesto ad un buon Inquisitore.

sabato 4 giugno 2011

Cuore

Quando sono piena di problemi a me viene voglia di ricamare cuori, non so perchè ma sembra abbiano un potere tranquillizzante sulle mie ansie.
E allora cuore sia con questo schema free di Gazette94, ricamato su lino Stafil color panna in colori molto solari ed estivi. Un free leggero e veloce da fare, come lo sono sempre gli schemi di Gazette94, ma dal risultato assicurato.
Voleva essere un inno all'estate che sembrava arrivata con largo anticipo, invece per il momento ha già deciso di ritirarsi in buon ordine per lasciare spazio a giornate più fresche e piovose; intanto lasciamo finire la scuola con tutti i suoi impegni, poi l'estate può tornare così posso rispolverare la bicicletta.
Il retro del cuore è sempre molto estivo con una stoffa gialla a grandi pois bianchi di Ikea arricchita da piccoli cuori in panno fissati da perline bianche.
Stavolta il cuore mi è uscito un po' più spigoloso del solito, meno arrotondato, rispecchierà il mio stato d'animo attuale?

giovedì 2 giugno 2011

Cuscinetto e casetta

Avevo questo ritaglio di lino Stafil color panna, proprio un rettangolino, rimasto da un precedente taglio della stoffa.
Visto che non si butta mai nulla, ho pensato di ricamarci questa casetta tratta da uno schema free con case e fari di Gazette94.
Ho pensato di utilizzare dei colori che utilizzo pochissimo, che non si trovano molto spesso, ho aperto la scatola dei filati DMC dal colore 3800 e ho scelto le matassine meno usate ..... e questo è il risultato: un altro cuscinetto che si aggiunge alla mia collezione.
Le perline rosse sono Miyuchi, i due cuoricini colorati sono Fata al Timone.