venerdì 9 settembre 2011

Il vecchio che leggeva romanzi d'amore


Scritto nel 1989 da Luis Sepulveda, è un romanzo breve ambientato in Sudamerica nella foresta amazzonica ecuadoriana.
Protagonista è il vecchio Antonio José Bolìvar, che vive ai margini della foresta con tutto il sapere accumulato negli anni, portando con se i ricordi di quando era un inesperto colono bianco alle prese con le sue incapacità e le sue insicurezze, il ricordo della moglie attraverso una foto sbiadita, la grande conoscenza passatagli dagli indios Shuar, un incontro casuale che gli ha cambiato la vita e gli ha permesso di sopravvivere all'ambiente in cui vive.
La particolarità di Antonio Josè è che appunto ama leggere romanzi "che parlavano d’amore con parole così belle che a volte gli facevano dimenticare la barbarie umana"; ama leggerli e rileggerli, pensarli e porsi domande, fantastico a tal proposito il suo dialogo fatto di perplessità sull'esistenza di Venezia e le sue vie d'acqua o sul "bacio d'ardore".
L'avevo già letto parecchio tempo fa, ma l'ho riletto molto volentieri, mi è piaciuto di nuovo, è delicato, toccante, poetico.

3 commenti:

rosy ha detto...

...dev'essere molto bello....penso che lo leggero' ..grazie del consiglio !!..=) Rosi

Faby ha detto...

Condivido il tuo giudizio anch'io ho letto questo libro un pò di anni fa e ricordo che mi era piaciuto moltissimo...un abbraccio Faby

rosanna ha detto...

Bello bello bellissimo Così bello che quando lo lessi ,dopo averlo preso in prestito da un'amica, andai di corsa a comprare la MIA copia. Splendido e godibile ogni vola che si riprende in mano. Rosanna