domenica 22 maggio 2011

La biblioteca dei libri proibiti

La biblioteca dei libri proibiti di John Harding.
E' un libro piacevole che si lascia leggere tutto d'un fiato. Non sarà un capolavoro ma incuriosisce, attira, secondo me scritto anche bene.
E' la vicenda di un fratello e sorellastra alla fine del 1800, vivono in una villa trasandata, lontani da tutto e da tutti, lasciati in mano ad una governante che fa ciò che può, all’ombra di uno zio che mai si vede, si sente solo nominare.
La protagonista, Flo, è una ragazzina sveglia che non si vuole arrendere all’ordine di non dover studiare e nella sua grande solitudine sviluppa tutta una serie di manie e paranoie che la porteranno a sviluppare un attaccamento morboso al fratello e superare molti limiti per poter continuare ad essergli vicina.
L’unico neo è forse nel finale, che poteva essere più accattivante e molto più schietto, ma ho avuto la netta impressione che questo finale sia legato alla possibilità di un eventuale seguito.

2 commenti:

MaryGi ha detto...

l'ho letto anch'io il mese scorso, mi è piaciuto molto, è un racconto molto fluido, difficile fermarsi.... è vero, il finale sembra lasciare sospesa una continuazione.... buona lettura, MG

La Pecora Rosa ha detto...

Ciao Marghe! Ho apprezzato molto la tua recensione de "La storia infinita": è stata una delle storie significative nella mia infanzia e mi è sempre rimasta nel cuore, anche per l'adattamento cinematografico e la sua colonna sonora.
Non sapevo dei colori del testo nell'edizione originale!

Bacibaci,
I.