giovedì 30 settembre 2010

Munchen

Munchen .... ovvero la mia città preferita!!
Quest'anno ci abbiamo passato solo due giorni, veramente una toccata e fuga, ma io mi sono comunque ritemprata e so già che dovrò tornarci, ho lasciato ancora qualcosa in sospeso e cosa c'è di meglio che sapere già che dopo tante fatiche, in un giorno del prossimo anno, tornerai .....
Il nostro programma quest'anno è stato veramente molto soft, tranquillo e rilassato, dovevamo recuperare 10 mesi di corse a perdifiato.
Partenza alle 6 del mattino sotto un bell'acquazzone, se la giornata comincia così .... e invece Munchen ci ha accolto con un bel sole e un'aria frizzante decisamente autunnale. 
Quest'anno abbiamo deciso di rimanere fuori dallo "Zentrum", il centro città vero e proprio, altrimenti finisce sempre che fra le tante cose da vedere non ci spostiamo più, quindi prima tappa gli Englischer Garten, uno dei parchi pubblici urbani più grandi, secondo solo al Phoenix Park di Dublino.
Era da tempo che volevo farci una passeggiata, ho sempre guardato incuriosita quella enorme distesa verde sulla cartina, e quella enorme distesa verde non si è smentita: è un parco grande, grandissimo, siamo riusciti a vederne solo la metà, e in quella metà ci abbiamo passeggiato per oltre 4 ore fra viali e vialetti, tanta gente a piedi e in bicicletta, i sentieri per i cavalli, quella minuscola casetta del te con giardino giapponese (e peccato fosse chiusa), torrenti e ponticelli, volatili di ogni tipo, prati curatissimi dove poterci camminare, un piccolo gioiello verde in mezzo ad una grande e trafficatissima città. Non poteva naturalmente mancare il pranzo in un Biergarten, non puoi andare a Munchen e non fermarti in uno dei moltissimi Biergarten sparsi dovunque!
La serata è stata dedicata alla Oktoberfest, non si può essere a Munchen in questo periodo e non pensare di farci un giro; devo dire che è una festa spettacolare, tanta, tantissima gente, tante facce, tante lingue, e loro, i bavaresi, vestiti con i loro abiti migliori.
E' una manifestazione da prendere semplicemente così com'è, senza giudicare, io l'ho trovata alquanto folkloristica e rumorosissima, soprattutto negli stand delle birrerie dove ci stanno "davvero" migliaia di persone, un posto dove puoi fare una momentanea amicizia con chi ti sta in parte, anche se non capisci una parola di quello che dice, ma un brindisi è sempre un brindisi; ci abbiamo passato un paio d'ore, in allegria, abbiamo cenato e gustato una birra, abbiamo acquistato un boccale decorato come ricordo e, alla fine, percorso pedonale fino alla stazione del metrò che ci ha riportato tranquillamente in albergo.

Martedì, doveva essere dedicato al museo della BMW e all'Olympiapark, già visitati nel 1999 nella nostra prima visita a Munchen il giorno dell'eclissi totale di sole, ma alla fine entrati in quell'enorme edificio che corrisponde alla sede della BMW non siamo riusciti a fare altro. Più di 3 ore sono passate per la visita al museo (nel 1999 la visita al museo era durata un'ora!!! Ma quanto è cambiato!!), una meraviglia di tecnologia, fra storia, moto e auto una più bella dell'altra; Bmw è sempre stata la macchina dei miei sogni - e probabilmente resterà tale, anche se con la divina provvidenza .... magari un giorno ..... - e addentrarmi nel suo mondo è stato davvero vivere in un sogno, il resto del tempo l'abbiamo passato nell'atelier aperto al pubblico dove le macchine erano in mostra, ci si poteva salire, si potevano fotografare, e io mi sono regalata 5 minuti di felicità sulla macchina più bella del mondo .... quale meraviglia!!
Il pomeriggio sta finendo, uno spuntino veloce, è ora di tornare, il lungo viaggio di ritorno ci aspetta, mettiamo da parte un piccolo sogno, in fondo chissà mai che un giorno .... e poi sognare non fa mai male.
E' mezzanotte quando la nostra casetta ci accoglie, il tempo di una tisana e tutti a dormire, stanchi ma felici, e intanto continuiamo a sognare ....

domenica 26 settembre 2010

Sono pronta!!

Sono pronta per il Sal Chocolat di Loredana, il materiale c'è, la voglia di iniziare anche, ma prima devo fare ancora una cosa ....
Gli esami di Ale sono finiti, non si sa come sono andati, molti dubbi in proposito visto che il lavoro svolto normalmente sulle 2 ore qui doveva farsi in una sola ora ....... qualche cosa poco chiara ..... non sappiamo cosa pensare, ma per il momento lasciamo questi pensieri .....

Non sto molto bene, un insetto passando ha pensato bene di punzecchiarmi facendomi un braccio grosso così e un raffreddore raccolto fra tutti i raffreddati che mi hanno placcata per 10 giorni mi tormenta alla grande, ma lasciamo anche questi pensieri .....
Perchè noi si parte e si va a Monaco!!!
Evviva!!!

Siamo a Monaco a rilassarci, solo due giorni, ma vanno bene, benissimo!!!
La nostra è una mini vacanza, ma per quest'anno non c'è altro e va benissimo così.

mercoledì 22 settembre 2010

Mi chiedo ...

.... ma non trovo la risposta.
Domanda: perchè io non posso decidere liberamente di sospendere un impegno?

Perchè tutti devono cercare di farti sentire in colpa, non permetterti di cambiare idea,
devono a priori cacciarti addosso i loro problemi senza minimamente stare ad ascoltare le tue ragioni, mettere in dubbio la tua sincerità.
Non so trovare una risposta, resta però che in questo nuovo corso della mia vita non mi interessa minimamente cosa pensano gli altri nè di me nè delle mie idee e non mi sento minimamente in colpa se il mio sospendere un impegno mette in crisi qualcun'altro perchè so perfettamente che non è vero e perchè la mia salute ha più valore di qualsiasi altra cosa.
Quindi al bando i sensi di colpa, le pantomime degli altri, la malizia celata dietro la solerzia, che io sto benissimo così.

Mi riservo di decidere dopo una determinata data e in base a quello che avverrà, se questa sarà solo una sospensione o una chiusura definitiva.

martedì 21 settembre 2010

Esami

Settimana difficile per mio figlio, settimana di esami per recuperare i debiti dello scorso anno scolastico.
Ieri sono finite le lezioni di recupero e le lezioni private, oggi pomeriggio si inizia con l'esame di matematica - il più ostico per la conclamata antipatia vicendevole - poi giovedì ci sarà latino e venerdì tedesco.
Naturalmente lui è in tensione e io gli faccio compagnia, ma cerco in tutti i modi di creare un ambiente calmo e tranquillo.

A tutto si è aggiunto anche un fastidiosissimo raffreddore che lo tormenta da domenica: come rimedio stamattina a casa da scuola - fra coperte calde, fumigi e tea caldo - per poter essere presente sia di persona che di testa nel pomeriggio.
Domani vedremo ....
Intanto auguri ..... oppure, come piace a te, "Che la forza sia con te"!

Autunno

Buon autunno!!

lunedì 20 settembre 2010

Sal Birdwatcher

Mi sono messa alla pari con il Sal Birdwatcher, finalmente.
Ho ritrovato la voglia di fare, di creare, di pensare a cose nuove.
Saranno le temperature fresche che invogliano a stare in casa, sarà che in paese non c'è più in giro nessuno e l'atmosfera si è fatta tranquilla e rilassata, sarà che mio figlio
ha ricominciato ad andare a letto presto (o meglio, a rintanarsi nel suo letto a leggere mezzo libro per volta) e quindi io dopo cena sono libera, sarà che mi sono liberata di tutti gli impegni superflui o che io ritenevo tali, ma io mi sento pronta ad affrontare un autunno ed un inverno pieno di cose tutte mie.
Adesso mi manca ancora di mettermi in pari con il salpin di Rosanna, ma quello mi sa che arriverà ad ottobre, infatti adesso è in arrivo a breve una piccola vacanza, sto ultimando lo Swap Conosciamoci e poi devo pensare allo Swap Tea di Argante.


sabato 18 settembre 2010

Welcome winter

Finalmente dopo tanti giorni è tornata la linea telefonica .... ogni tanto, nonostante il disagio ed il sentirsi fuori dal mondo, però non è male stare senza Internet, ci si guadagna in altre cose.
Infatti ho finito il mio pannello "Welcome winter"


Mi piace molto e non è nemmeno particolarmente complicato da fare; non vedo l'ora di esporlo in casa, anche se all'inverno magari manca ancora un po' di tempo .....
Adesso devo completare la finitura con la stoffa, ma sono molto indecisa fra la stoffa blu scura con stelline bianche e quella blu/verde con le stelle dorate un po' più grandi.

Ci stanno bene entrambe .....

giovedì 9 settembre 2010

Voglia di creare

Un pomeriggio di pioggia, passato in casa, la stufa a ole che emana tutto il suo tepore.
Il primo pomeriggio di quiete dopo tante corse, la temperatura che invita ad un tea, il mio tavolo che mi invita a creare, finalmente qualche idea dico io.
E allora via, per prima cosa prepariamo le mie tazze da tea preferite, lasciate in disparte durante l'estate, una passata per togliere la polvere con l'asciugapiatti a loro dedicato - polvere? sono state chiuse nell'armadietto tutta l'estate ..... una mia piccola mania.... - scelgo un buon tea e mi siedo al tavolo.

Un pezzettino di emiane bianca e del filato blu Ciel d'hiver di Pomme di Pin, cosa ci invento?

Ho fra le mani una cornice Malma di Ikea senza lo specchio ....
Ecco cosa ne è uscito alla fine




Mi sento molto soddisfatta, felice per aver fatto qualcosa di diverso, per aver seguito per un attimo il mio desiderio.

domenica 5 settembre 2010

Welcome winter

In queste giornate di pre autunno, dove l'aria è più frizzante e le temperature si sono decisamente abbassate, e in attesa che mi torni la voglia e la giusta ispirazione per far fronte ai miei impegni di SAL e SWAP, ho trovato sfogliando qua e la tra le mie mille carte questo schema scaricato con il Digital Download di Casa Cenina (tra l'altro servizio davvero comodissimo!!).
Visto che è da un po' che mi gira fra le mani, ho pensato di metterlo in cantiere ed effettivamente non è molto complesso (manca solo la lettera E, il bianco e un po' di punto scritto), in più è alquanto rilassante e piacevole, mi ricorda che ci siamo quasi, fra poco la mia stagione preferita arriva ..... io l'aspetto.

E' ricamato su nastro di lino Rico Design color panna, schema Heart Break House.
Essendo dedicato alla mia stagione preferita (ma so già che rimarrà appeso tutto l'anno), l'idea è di farne un pannello da appendere, rifinito con una bellissima stoffa blu a stelline dorate acquistata da Pois de Senteur e magari anche con una leggera imbottitura.
Ma per questo dovrò chiedere alla mia amica Giovanna di Ragoli, è lei l'esperta di cucito.

venerdì 3 settembre 2010

Letture e libri

Sempre da Lara di Colore e magia - amando la lettura non potevo non farmi tentare:

1) Come scegli i libri da leggere? Ti fai influenzare dalle recensioni?
Scelgo facendo passare gli scaffali della biblioteca e del negozio, una copertina colorata, un titolo interessante; mi piace leggere le recensioni, ma non influenzano le mie scelte.


2) Dove compri i libri: libreria o on-line?

Per forza on line, qui in zona non esistono librerie e mi mancano terribilmente. Entrare in una libreria e far passare file di libri per poi scegliere quello da acquistare non ha prezzo!

3) Aspetti di finire la lettura di un libro prima di comprarne un altro oppure hai una scorta?

Scorte enormi di libri, anche perchè normalmente leggo due libri per volta; che sia online o libreria è impossibile che io esca senza almeno 5 libri (10 se c'è anche mio figlio).


4) Di solito quando leggi?
Normalmente la sera quando vado a dormire, ma appena possibile mi ritaglio un po' di tempo, tipo quando devo aspettare mio figlio.

5) Ti fai influenzare dal numero delle pagine quando compri un libro?

No, per niente. Anzi più il libro è alto più mi attira, vedi "I pilastri della terra" di Ken Follett che con le sue oltre 1000 pagine è tra i miei preferiti.


6) Genere preferito?
Fantasy in assoluto, ma amo leggere un po' tutti i generi, a parte Stephen King e libri genere horror.


7) Hai un autore preferito?

Terry Brooks, of course!


8) Quando è iniziata la tua passione per la lettura?

Quando ho smesso di leggere i libri richiesti dalla scuola, che odiavo, mi sono imbattuta in una piccola libreria, un libro che parlava di un grande amore e da li è nato il mio grande amore per la lettura.


9) Presti i libri?

No, non ce la faccio proprio.


10) Leggi un libro alla volta oppure riesci a leggerne diversi insieme?

Sempre almeno due libri per volta, di generi diversi, assieme al Topolino settimanale che non può mancare.


11) I tuoi amici/familiari leggono?

Mio marito legge, mio figlio divora libri a più non posso (e se li ricorda anche tutti...)
.

12) Quanto ci metti mediamente a leggere un libro?

Di media 10/15 giorni, ma molto dipende da quanto tempo riesco a dedicare alla lettura. In inverno leggo molto di più e velocemente che in estate, se poi magari è l'ultima uscita dei miei autori preferiti cerco di divorarla in 3/4 giorni perchè non ce la faccio ad aspettare.


13) Quando vedi una persona che legge (ad esempio nei mezzi pubblici) ti metti immediatamente a sbirciare il titolo del libro?

Impossibile resistere alla tentazione di sbirciare un libro; poi cerco anche di ricordare il titolo per andare a curiosare e vedere se mi piace.

14) Se tutti i libri del mondo dovessero essere distrutti e potessi salvarne uno soltanto quale sarebbe?

Oddio!! quale? Non possiamo fare che i libri non si distruggeranno mai?!


15) Perchè ti piace leggere?

Perchè amo sognare, perchè mi piace perdermi in altri mondi, in altri luoghi, perchè mi piace "ascoltare" i racconti
.

16) Leggi libri in prestito (amici o biblioteca) o solo libri che possiedi?

Leggo i libri che possiedo (ormai quasi quota 1500 libri in casa), ma, visto che ormai li ho letti quasi tutti, sono anche una affezionata cliente della biblioteca; con il prestito interbibliotecario poi possiamo usufruire di tutti i libri delle biblioteche del Trentino, quindi ho letteralmente una marea di libri a disposizione.

17) Qual è il libro che non sei mai riuscito a finire?
Ce ne sono alcuni, l'ultimo in ordine di tempo è Ilium di Dan Simmons, una rilettura in versione fantascienza dell'Iliade; mentre i miei uomini l'hanno trovato eccezionale, io proprio non sono riuscita a leggerlo, noioso fuori misura.


18) Hai mai comprato un libro solo perchè aveva una bella copertina, e cosa ti attrae nella copertina di un libro?

No, di solito leggo le seconda di copertina per darmi un'idea del libro; nella copertina mi attrae il colore più che i disegni.


19) C'è una casa editrice che ami particolarmente e perchè?

Edizioni Nord perchè pubblica tanto fantasy.

20) Porti i libri dappertutto (ad esempio in spiaggio o sui mezzi pubblici) o li tieni "al sicuro" dentro casa?

I libri accompagnano sempre i miei viaggi, da qualsiasi parte vada.


21) Qual è il libro che ti hanno regalato e che hai gradito maggiormente?

L'unico libro che mi hanno regalato è stato "I Pooh la grande storia", ovviamente amatissimo.


22) Come scegli un libro da regalare?

Non regalo più libri, l'unica volta che l'ho fatto l'ho visto abbandonato in terra in un angolo mezzo scartato, ci sono rimasta malissimo, povero libro!! Mi è venuto l'istinto di raccoglierlo e portarmelo a casa, quanto mai non l'ho fatto.


23) La tua libreria è ordinata secondo un criterio o tieni i libri in ordine sparso?
Nella mia libreria targata Ikea, l'unico criterio è che i libri dello stesso autore siano vicini, poi non guardo se sono alti, bassi, larghi, stretti, un ordine sparso.

24) Quando leggi un libro che ha delle note, le leggi o le salti?

Non mi piacciono i libri con le note, se ci sono non le leggo.


25) Leggi eventuali introduzioni, prefazioni e postfazioni dei libri o le salti?

Cerco di leggerle, ma non sempre ci riesco.


Buona lettura!!!

mercoledì 1 settembre 2010

Le ricamine

L'ho trovata da Lara - Colore e magia, non ho saputo resistere al pubblicarla perchè troppo divertente e perchè .... io sono proprio così!!!

- Le ricamine credono negli extra-terrestri: infatti hanno sempre in casa almeno un UFO;
-Le ricamine, come i filatelici, fanno collezione di salive altrui, partecipando agli RR;
-Le ricamine hanno tanti ricami per casa ma il 90% ricamato da altre;

-Le ricamine sono grandi sostenitrici della medicina alternativa, infatti, per tenere i familiari in buona salute, praticano loro con costanza l’ago-puntura, lasciando aghi e spilli su divani e poltrone;
-Le ricamine usano più carta carbone di un’impiegata negli anni ‘80 ma non per fare fatture;

-Le ricamine in crisi non si buttano, come le altre donne in un negozio di vestiti o scarpe ma in merceria. Spendendo le stesse cifre;

- Il 90% delle ricamine soffre di una devianza comportamentale non classificata dai medici, lo shopping compulsivo ricamoso: davanti a cassettini pieni di matassine colorate tutto il complesso apparato celebrale femminile si spegne, lasciando posto ad un unico imperativo “Mio mio mio!!”;

-Alle volte, il punto sopra si verifica con le Forbicine: le Scissor-addict (forbicine-dipendenti) aumentano di anno in anno e si assiste così a ricamine che posseggono 7-8 paia di forbicine (di cui forse ne usano un paio);

- Le ricamine hanno strani impulsi verso i colori ma i meccanismi celebrali che portano a certi risultati non sono ancora del tutto chiariti: mediamente sembra che avere meno di 15 nuances per colore provochi loro stati di angoscia profonda che può sfociare in attacchi di panico veri e propri;
- Il suddetto armamentario stranamente manca sempre della giusta tonalità cosigliata per il lavoro scelto;

- Le ricamine, al contrario della maggior parte delle ricamatrici, amano la condivisione di consigli e tecniche;

Infine….le ricamine vivono una piccola mania a colori, che sfocia in comportamenti maniacali ben definiti e riconosibili: se vivete con una ricamina sappiate che ignorarla non serve e che l’ossessione compulsiva non è curabile (incredibilmente molti psicologi ritengono che sia salutare per i nervi!!), abbiate pazienza, assecondatele e approfittate del tempo libero che non dovrete dedicare a queste strane creature, inoltre tenete presente che, con dieci euro di matassine per Natale, le farete altrettanto felici che con 800 euro di collana di perle.