mercoledì 3 novembre 2010

La dama e l'unicorno

La Dama e l'Unicorno di Tracy Chevalier, è un libro a sfondo storico, scorrevole (l'ho letto in soli 3 giorni), carino, mi sembra anche abbastanza ben documentato, considerato che la storia ha preso spunto da un ciclo di arazzi fiamminghi della fine del XV secolo.
In ogni capitolo è uno dei protagonisti a parlare ed a raccontare un tratto di storia, ambientata alla fine del 1400 fra Francia e Belgio, fra i quasi aristocratici di Parigi e i tessitori di arazzi di Bruxelles.
Non ho apprezzato particolarmente il personaggio di Nicolas des Innocents piuttosto piatto e stereotipato, a tratti pure antipatico nella sua "leggerezza", mentre invece trovo Aliénor, figlia del tessitore, molto più interessante e ben descritta nella sua sensibilità per la vita e nella sua capacità di riscatto da una prospettiva di vita alquanto misera. 
Particolarmente interessante la descrizione del lavoro nella bottega dei tessitori di arazzi, ti ci immergi, ti sembra di essere anche tu parte di questa famiglia e dei lavoranti di bottega nella corsa contro il tempo per consegnare questi arazzi, delle loro difficoltà e miserie, ma anche della grande soddisfazione quando togli l'arazzo dal telaio e ne contempli estasiato il risultato.

2 commenti:

verderame ha detto...

anche a me è piaciuto molto, amo i romanzi a sfondo storico e questo penso sarebbe molto apprezzato da chi ama ricamare e anche leggere, ciao Marina

Pisi ha detto...

Wow, di un libro così non potrei che innamorarmene alla follia! Mi sa che sarà il mio prossimo acquisto!
Pisi