lunedì 24 maggio 2010

Sto diventando indisciplinata!!

Eh si, sto proprio diventando indisciplinata.
Con la casa che avrebbe bisogno di me, con i lavori in ritardo, io cosa faccio?
Approfitto del primo sole dopo non so quanto tempo e, complice le varie lezioni pomeridiane di mio figlio, invece di correre a casa a mettermi in pari, mi fermo al parco a leggere!!!

Nemmeno a ricamare! ma su una panchina con l'Ipod nelle orecchie e un libro in mano.
E così ho letto un bel po' e in men che non si dica ho fatto fuori due libri.

Il primo è stato Il Professionista di Grisham, che mi è pure piaciuto, Grisham mi piace parecchio anche al di fuori dei legal thriller che scrive normalmente, l'unico neo di questo libro è il football americano.
In questo libro si parla di un quarterback americano che, dopo una serie di problemi con le varie squadre in cui ha militato e un pauroso incidente in campo, si trasferisce in Italia, o meglio è costretto a trasferirsi da qualsiasi parte purchè sia lontano dal mondo del football americano, dei “fans”, della stampa.
Si trasferisce in Italia, a Parma, dove c'è l'unica squadra disposta ad ingaggiarlo, il football è l'unica cosa che sa fare, deve forzatamente accettare in attesa di periodi migliori per poter tornare in America.

Non spiccica una parola di italiano, non sa nemmeno quasi dove sia l'Italia e tantomeno sa che esiste Parma, ma qui troverà la forza di ricominciare, di giocare bene, di dare una sistemata ad una vita scapestrata.

Il neo? Appunto il football americano, che non conosco assolutamente, mentre nel libro ci sono delle dettagliate descrizioni delle azioni di queste partite di cui non ho capito assolutamente niente.
Per il resto il libro è piacevole, scorre, adoro il capitolo dove il protagonista si trova a dover uscire da un microscopico parcheggio con una Fiat e poi a doverla guidare, abituato alle macchine americane automatiche si trova alle prese con frizione e marce .... scena assolutamente godibile.

E poi come parla l'autore di Parma, dei dintorni, della cucina italiana, se non c'è stato di persona, ha sicuramente qualcuno che gliel'ha raccontata proprio bene.

1 commento:

Nefertari ha detto...

Hai fatto benissimo! Non è che si debba sempre cucinare, pulire, stirare e quant'altro, ci vuole anche qualche momento di relax. Se poi c'è pure il sole...la casa aspetterà!
Mariagrazia