giovedì 27 maggio 2010

Letture al parco

Altro libro che ho letto nei miei piacevolissimi pomeriggi al parco.
L'unicorno nero di Terry Brooks, secondo libro della saga di Landover, regno oltre il nostro mondo dove ancora esiste la magia, dedicato ad un unicorno nero, animale misterioso e inafferrabile, forse l'animale magico per eccellenza.
Secondo me è un po' meno coinvolgente del primo capitolo della saga, la trama è interessante ma ci sono parti di capitolo forse un po' lente da leggere, mentre mi è piaciuto il finale, scoppiettante, per nulla scontato, che ha riscattato la lentezza di alcune parti del libro.
In questo libro c'è però un personaggio molto particolare, un po' Grillo Parlante di Pinocchio: un gatto prismatico mandato dalle fate per aiutare il protagonista a ritrovarsi dopo che una magia ne ha oscurato la personalità
Nessuno ha il diritto di ricevere le risposte ai problemi che lo turbano. Nessuno si vede servire la vita su un vassoio d'argento, gatto o re che sia! Se vuole conoscere la verità, deve trovarsela da solo. Se vuole capire cosa la tormenta ci arrivi da sè. Lei si crede immerso in dilemmi insolubili, si crede incapace di liberarsi. La sua identità non esiste più, il suo regno le è stato sottratto. I nemici l'attaccano, gli amici sono perduti. E' una catena di complicazioni in cui gli anelli sono uniti fra loro, Ben Holiday. Tagli un anello, e le catene si spezzeranno!!!
Mi piace pensare che sia un libro che ti aiuti a capire che nella vita non tutto è facile, alcune volte bisogna faticare fisicamente, ma soprattutto mentalmente, per scoprire l'inganno che in fondo sta dietro a tante difficoltà della nostra vita.

1 commento:

Mery ha detto...

Ciao,
ma lo sai che il brano che hai riportato è davvero interessante? Ha moltissime chiavi di lettura: può voler dire anche che a volte le difficoltà che ci frenano, le catene che ci impediscono di andare avanti siamo noi stessi che ci incateniamo ad abitudini o all'idea di non riuscire a superare determinati ostacoli, ci autolimitiamo e siamo veramente liberi solo quando noi decidiamo di esserlo.
Fantastico!!!!
Credo che leggerò questo libro!
Buon pomeriggio,
Mery