venerdì 2 gennaio 2009

Anno nuovo, propositi ....

E finalmente è arrivato anche il 2009, sono sicura che sarà mitico, per prima cosa mi sono concessa degli auguri speciali sul blog con un Richard Gere che mi è sempre piaciuto tantissimo fin dai tempi di American Gigolo, e poi tanta neve proprio poco prima della mezzanotte, fine anno con i miei amatissimi Pooh e "Uomini soli", inizio anno ancora con i miei amatissimi Pooh ed alcuni loro brani, un brindisi così non può che predisporre l'animo ad un anno nuovo, ma davvero nuovo.
Il 2008 si è chiuso, finalmente, duro e difficile come e forse più dei 3 anni che lo hanno preceduto, sembrava voler davvero chiudere nel peggior modo possibile, tant'è che all'Immacolata dopo essermi fatta un mazzo così per il mercatino di Natale del gruppo di beneficienza del paese, mi sono anche sentita congedare dalla capa del gruppo visto che, è inutile girarci intorno, i miei lavori a punto croce non vendono (....??), se magari avanzerà della stoffa giusto un paio di strisce per non lasciarmi a fare nulla; punto primo ho molto da fare, non sono certo una che sta alla finestra a guardare chi passa per poi correre a spettegolare, ho ben altri grossi problemi da risolvere, punto secondo ma chi se ne frega della sua invidia, se lei non riesce a sopportare di dividere i complimenti per i lavori ben riusciti con altri mi spiace molto per lei, non sa cosa si perde. C'è purtroppo una forte invidia, è vero ricevo spesso molti complimenti ai miei lavori, anche se piccoli e semplici, ma mi piace lavorare bene, soprattutto per beneficienza, se lavoro bene si può guadagnare di più e mandare più soldi a chi ne ha bisogno, e poi so che se l'è presa perchè la scorsa estate non ho voluto mettere mano al lavoro di un'altra persona solo per non darle il dispiacere di non aver venduto la sua tovaglia, a parte la mano diversa che si vede molto, questa persona lavora solo sulla quantità e mai sulla qualità, non è la prima volta che ci si mette la pezza per non darle dispiaceri, adesso basta.

Alla fine però questo 2008 si è riscattato, l'incontro con Marta e le sue amiche è stato un toccasana, sono persone davvero simpatiche e disponibili, siamo andate a Vicenza e a Bolzano assieme, ci siamo incontrate per un paio d'ore di rilassanti chiacchiere e lavori, mi hanno proposto di fare qualcosa per le Pigotte, magari qualcosa all'uncinetto visto che me la cavo abbastanza bene, sono uscita da una parte e sono entrata dall'altra.

Ma il regalo in assoluto più bello, vista la crisi che ci aspetta, è che a mio marito hanno confermato tutto l'anno di lavoro, al diavolo chiunque e qualsiasi altra cosa, questo è quello che davvero importa.

Un inizio anno ottimo, alla fine so che farò pace anche con il gruppo, del resto per me è importante la beneficienza, non la stupidità delle persone, continuerò con le nuove amiche, continuerò con il blog che in questi 3 mesi tanto mi ha dato e tante amiche davvero carissime mi ha fatto incontrare.

Spero solo che sia un anno di svolta, dopo gli ultimi 4 anni faticosi e difficili oltre misura, spero che questo sia l'anno in cui possiamo cominciare a vedere uno spiraglio di soluzione ai nostri problemi, abbiamo fatto una scelta lavorativa sbagliata e l'abbiamo pagata duramente, ma mi sembra anche di aver dimostrato di non voler mollare niente del nostro sogno perchè lo abbiamo desiderato infinitamente, perchè il posto in cui viviamo ce lo siamo cercato e scelto con passione, perchè qui stiamo bene e perchè voglia di mollare non l'ha nessuno di noi 3.
Il mio desiderio di mezzanotte l'ho espresso, la mia fede nella riuscita vacilla ma non molla, spero che gli angeli che mi hanno dimostrato tante volte di volerci bene e di esserci vicini possano ancora una volta aiutarci in questa lenta risalita.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

BRAVA MARGHERITA !!!!!!!!!!!PENSA SEMPRE POSITIVO E VEDRAI CHE ANRA SEMPRE BENE ,L'INVIDIA E LA VIRTU DEI POVERI CRETINI CHE PENSANO SIANO IMMORTALI !!!!!!!!!! POVERI SCEMI !!!!!!!!!!!NON HANNO CAPITO MOLTO DELLA VERA VITA ,UN BACIO MT

marta ha detto...

cavolo Margherita! leggo ora il tuo blog!
mi hai commosso! grazie, un abbraccio,
marta